Industria 4.0

Ente Certificazione Macchine esegue l’attività di Verifica della Conformità di terza parte in ottica 4.0 e, in caso di valutazione positiva, rilascia l’Attestazione di Conformità ed emette la perizia tecnica a corredo della stessa, necessaria per accedere al credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali materiali e immateriali, secondo le modalità previste dalla Legge di Bilancio 2021.

IL CONTESTO

Con l’obiettivo di favorire e incentivare l’acquisto da parte delle imprese italiane di beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi, la Legge di Bilancio 2021 (Legge 30 dicembre 2020, n.178) ha prorogato e rafforzato le misure contenute nel Piano Nazionale Transizione 4.0.

Le aziende che effettuano investimenti in beni strumentali materiali e immateriali tra il 16 novembre 2020 e il 31 dicembre 2022, ovvero il 30 giugno 2023, a condizione che entro il 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti per almeno il 20% per cento del costo di acquisizione, possono accedere al Credito d’imposta per beni strumentali (ex super e iper ammortamento).

A seconda della tipologia e del periodo di investimento, le percentuali del credito possono variare come segue:

Perché rivolgersi a ECM?

Le imprese che fanno richiesta di accesso al credito d’imposta sono tenute a presentare e conservare la documentazione idonea a dimostrare l’effettivo sostenimento e la corretta determinazione dei costi agevolabili. Per accedere alle agevolazioni previste per gli investimenti di cui agli allegati A e B della legge 11 dicembre 2016, n. 232, è necessario produrre:

  • una perizia tecnica rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale
  • ovvero, un attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato, con la relativa perizia tecnica a corredo dello stesso
  • ovvero, una dichiarazione resa dal legale rappresentate ai sensi del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa (solo per beni di costo inferiore a 300 mila euro).

Questa attestazione deve dare evidenza che i beni possiedono requisiti tecnici tali da includerli negli elenchi di cui allegati A e B e sono interconnessi al sistema aziendale di gestione della produzione o della fornitura.

ATTESTARE LA CONFORMITA’ DEL BENE AI REQUISITI RICHIESTI E’ UN’ATTIVITA’ COMPLESSA, CHE RICHIEDE L’INTERVENTO DI FIGURE ALTAMENTE SPECIALIZZATE, CON COMPETENZE TECNICHE SPECIALISTICHE E MULTIDISCIPLINARI.

Qualora nel corso dell’attività di monitoraggio delle fruizioni del credito d’imposta da parte delle autorità competenti dovessero essere riscontrati errori o irregolarità, si potrebbe incorrere nelle relative sanzioni amministrative e/o penali applicabili a seconda delle casistiche.

Ente Certificazione Macchine è Ente di Certificazione Accreditato ISO/IEC 17065 e ISO/IEC 17021, nonché Laboratorio di Prova Accreditato ISO/IEC 17025. Oltre agli accreditamenti, ECM può vantare oltre 20 anni di esperienza nel campo delle certificazioni e della verifica di conformità di macchinari e attrezzature, e dispone di un team multidisciplinare di tecnici altamente specializzati, con alle spalle una solida e comprovata esperienza.

ECM svolge in qualità di ente terzo indipendente l’attività di Verifica della Conformità di terza parte in ottica 4.0, al fine di verificare la conformità dell’attrezzatura ai requisiti richiesti per accedere al credito d’imposta, sia per i beni di valore superiore a 300.000€, sia per i beni di valore inferiore, riducendo i rischi a cui si può andare incontro limitandosi all’autocertificazione.

Scarica la nostra presentazione sui servizi in materia 4.0!

TOP